TEATRO nei MUSEI

MUSES TORNA ALLE TERME DI CARACALLA E AL MUSEO NAZIONALE ROMANO
settembre/ottobre 2021

Il progetto Muses  a cura di Riccardo Vannuccini torna nei mesi di settembre e ottobre alle Terme di Caracalla continuando la collaborazione con la Soprintendenza speciale di Roma  a cui si aggiungono nuove date  nelle quattro sedi museali del Museo Nazionale Romano – Palazzo Altemps, Terme di Diocleziano, Crypta Balbi e Palazzo Massimo.  Muses propone differenti performance di teatrodanza, di volta in volta pensate per lo spazio in cui si svolgono, creando un dialogo continuo tra atto performativo e opera d’arte.
Il programma completo nella pagina delle NEWS
ph Flavio Bruno

MUSES ALLE TERME DI CARACALLA
giugno/luglio 2021

un progetto ARTESTUDIO a cura di Riccardo Vannuccini
in collaborazione con la SOPRINTENDENZA SPECIALE DI ROMA

muses esplora il tema attuale della relazione fra abitanti e città, pure al tempo della pandemia, facendo del sito archeologico lo spazio principale di elaborazione di nuove forme di cittadinanza attraverso un rapporto in sensi con la memoria e il futuro culturale del nostro Paese, utilizzando la perfomance artistica nei luoghi d’arte come strumento di ricerca e comprensione della vicenda umana, in questo caso stabilendo una relazione originale con gli spazi straordinari delle TERME DI CARACALLA.

L’ attività scenica in questo caso supera il riferimento allo sviluppo di una propria estetica, e lega l’azione performativa – progettazione e realizzazione – ad alcuni siti culturali e storici di straordinaria rilevanza per la Città.

Muses, inoltre propone come primo testimone del rapporto performance/museo proprio il cittadino fragile, invitando alle giornate spettacolo alcuni gruppi con cui ARTESTUDIO collabora nell’ambito del progetto COMBINAZIONI21 realizzato con la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, ovvero migranti, persone senza fissa dimora, disabili psichiatrici, detenuti.

 TEMA:
l tema delle performance non è tanto quello di considerare le TERME DI CARACALLA come un luogo dalla spettacolare scenografia, quanto quello di proporre un viaggio per suggerire emozionalmente al visitatore lo spazio/tempo originale delle TERME, quando migliaia di cittadini romani ogni giorno le frequentavano, impegnati nelle più diverse occupazioni, da mangiare a tuffarsi nella piscina, dagli esercizi in palestra alle compere, fino a leggere i libri o assistere agli spettacoli.

 PALESTRA a cura di COSIMO DISTRUTTO CARACALLA venerdi 18 giugno ore 16.45 17.45 18.25
Durata 20’ circa. I frequentatori delle TERME impegnati nei loro esercizi. In controluce la nostra memoria di esseri viventi, abitanti di luoghi costruiti utili come pure a simbolo della avventura umana.

Da lontano l’eco del teatro classico come elemento propiziatore di quel doppio sguardo sull’ esistenza. Con la compagnia DANNOSA RUGGINE

 BESSALES a cura di YOKO HAKIKO – CARACALLA venerdi 25 giugno ore 16.45 17.45 18.25
Durata 20’ circa. Misurare lo spazio con la misura dei piedi, la stessa misura dei mattoni delle TERME. La performance intende il restauro, i ritrovamenti, come metafora della vicenda umana al tempo della complessità dove gli artisti – e il pubblico – non sono soltanto ospiti, ma indagatori di quel flusso che trattiene passato e futuro.

Con la compagnia YOKO HAKIKO COMPANY.

ELIOGABALO a cura CECILE FRACASSATO – CARACALLA venerdi 2 luglio ore 16.45 17.45 18.25
Durata 20’. In questo caso la performance è dedicata ad un personaggio che non solo seguita la costruzione delle Terme, ma che rappresenta un esempio di metissage culturale e infine, ci ricorda l’opera di Antonin Artaud. Una traccia per gli artisti in scena per intraprendere un viaggio nel più misterioso degli avvenimenti umani: il proprio nome.

Con la compagnia IL CIMITERO DELLE BOTTIGLIE.

FRIGIDARIUM a cura di RICCARDO VANNUCCINI – CARACALLA giovedi 8 luglio ore 21.00
Durata 35’ circa. Un complesso unico al mondo. Uno dei luoghi più rappresentativi. La performance intende proporre una mappatura, un’ispezione dello spazio: mettersi in ascolto delle migliaia di persone che frequentavano le terme, riproporne nei gesti degli artisti convocati l’andirivieni degli ospiti. Il tema del passare nei luoghi del sito archeologico come memoria del nostro passaggio sulla Terra.

 

 

MUSES teatro a righe 2020

MUSES teatro a righe è il nuovo progetto teatrale di ARTESTUDIO a cura di RICCARDO VANNUCCINI realizzato in collaborazione con IL MUSEO NAZIONALE ROMANO.

MUSES teatro a righe esplora gli spazi museali di Palazzo Altemps, Palazzo Massimo, Terme di Diocleziano con performance appositamente realizzate con le quali cinque attori e un musicista  creano  relazioni nuove e inattese tra  corpi, suoni e opere d’arte.

vedi il programma nella sezione news

Performance a cura di RICCARDO VANNUCCINI 
performer: ALBA BARTOLI, MARIA SANDRELLI, LARS ROHM, MARCO PAPARELLA, RAFFAELLA ZAPPALA’, MIRKO RUSSO, PRISCILLA MUSCAT, ALESSANDRA PISCOPO, IRIS BASILICATA, SIMONE BOBINI
PIETRO FREDDI sax tenore . 
Oggetti scenici a cura di YOKO HAKIKO.
Coordinamento per ArteStudio CATERINA GALLONI 

 

LETEATROCOSE 2019
Un progetto teatrale di ARTESTUDIO a cura di RICCARDO VANNUCCINI e realizzato con il contributo del MIBAC e in collaborazione con IL PARCO ARCHEOLOGICO DEL COLOSSEO e  IL MUSEO NAZIONALE ROMANO
LETEATROCOSE esplora in scena il tema attuale della relazione fra abitanti e città, facendo dello spazio museale il luogo ideale di nuove forme di cittadinanza attraverso un rapporto in sensi con la tradizione e il futuro culturale del nostro Paese.

In programma 6 titoli che si ripeteranno da maggio a ottobre nei magnifici spazi del Foro Romano, Palazzo Altemps, Palazzo Massimo, Crypta Balbi e Terme di Diocleziano.  Le performance accompagnano i tanti visitatori dei musei ospitando attori e spettatori in spazi unici al mondo, suggerendo appassionanti e inedite relazioni tra la nostra memoria  e questo tempo, ovvero origine e destino dell’ essere umano.

 

 

COMBINAZIONI 2018

    

Il progetto COMBINAZIONI vede il contributo del Ministero dei Beni Culturali per l’anno 2018 per attività svolte in alcuni dei più importanti musei della Capitale. In particolare sono stati realizzati nel mese di dicembre 2018 workshop di teatro e di danza, performance che hanno coinvolto compagnie di professionisti e giovani attori, abitando artisticamente di volta in volta il museo di arte contemporanea MACRO di Via Nizza e il PALAZZO ALTEMPS, uno dei poli museali del Museo Nazionale Romano.